Mercato delle case vacanza in crescita

casa_vacanza

E’ stato presentato presso la sede di Confcommercio a Roma l’Osservatorio Immobiliare Turistico 2018 sul mercato delle case vacanza, realizzato da Fimaa in collaborazione con Nomisma.

I dati mostrano un incremento del 3,5% delle compravendite nelle località turistiche nel 2017 rispetto all’anno precedente. Nello specifico, le località marine hanno fatto registrare +4,8%, quelle lacuali +8,0%, mentre quelle montane sono diminuite del -4,3%.

Per quanto riguarda il prezzo medio per l’acquisto di un’abitazione turistica, si registra una diminuzione annua pari al -2,5% circa. In particolare, l’Umbria è la regione che ha registrato il calo maggiore (-4,5%), a cui seguono Abruzzo e Lazio (-4,0%) e Sardegna (-3,5%).

Nelle località marine, il calo maggiore dei prezzi medi di compravendita di appartamenti si registra in Lazio e Abruzzo (-4,1%), mentre quello minore in Puglia (-0,4%). Nelle località di montagna e lago, i prezzi sono diminuiti soprattutto in Umbria (-4,5%) e Abruzzo (-3,9%).

Santa Margherita Ligure (GE) risulta in testa alla classifica delle località turistiche marine per quanto riguarda i prezzi massimi di compravendita di appartamenti top o nuovi, con valori pari a 13.000 €/mq, a cui seguono Capri (NA) con 12.800 €/mq e Forte dei Marmi (LU) con 12.700 €/mq. In montagna, invece, le località più care sono Madonna di Campiglio (TN), Courmayeur (AO) e Cortina d’Ampezzo (BL).

In crescita il mercato della locazione delle abitazioni, che segna un miglioramento del +1,1% rispetto al 2017 in tutte le zone turistiche: +1,5% nelle località lacuali, +1,1% in quelle marittime e +0,9% nelle montane.

A cura della Redazione

Fonte: https://bit.ly/2wjZmnV