In Piemonte più del 77% degli edifici disperde energia

energia-casa

Durante un incontro intitolato Evoluzioni con gli studenti geometri, tenuto a Ivrea (TO) e promosso da Fiaip Torino e Ape Torino Confedilizia, è emerso che più del 77% del patrimonio edilizio della Regione Piemonte è anteriore al 1970, epoca in cui l’edificazione era basata su concetti di consumo delle risorse oggi non più sostenibili, quasi quattro volte superiori al consumi dei moderni edifici residenziali.

L’incontro, dedicato alle nuove frontiere dell’edilizia, è stato ideato e organizzato da My-House Immobiliare e Studio Boni e ha messo in evidenza come sia importante puntare sulle nuove case costruite secondo i criteri della bioarchitettura, sulle abitazioni smart e sulle ristrutturazioni che riqualificano il territorio e il patrimonio immobiliare, salvaguardando l’ambiente e facendo risparmiare i proprietari.

Diverse esperienze a Torino e in tutto il Piemonte dimostrano che questo è un volano importante per offrire lavoro, valorizzare quartieri, rendere appetibili commercialmente interi stabili e riqualificare zone degradate.
Nel contesto europeo l’edilizia è responsabile del 40% dei consumi e delle emissioni di gas climalteranti dell’Unione. Dunque, il tema dell’efficienza energetica oggi rappresenta non solo un argomento di attualità ma un’occasione di rilancio economico.

Sono stati portati alcuni esempi concreti, come il concept del Boutique Hotel di Ivrea, “Spazio bianco – Camere con cultura”, di Domenico Tappero Merlo, che ha trasformato un ex centrale Enel abbandonata in una struttura alberghiera moderna. Il popolare strumento di paragone degli hotel, Hotelscombined.it, lo pone tra l’1% delle migliori strutture ricettive in Italia e nelle migliori 3% al mondo.

Durante l’incontro è stato appurato che lo stato degli attuali sistemi edifici-impianto è mediamente “poco oltre la preistoria”. La risorsa a disposizione per uscire da questa condizione è la cooperazione tra i professionisti del settore, come amministratori condominiali, manager, tecnici e progettisti, specialisti e imprese.

Fonte: https://bit.ly/2ICpsa0