Il settore dell’hospitality è in crescita

Dal Rapporto 2018 sul settore dell’hospitality presentato lo scorso giugno da Scenari Immobiliari e Castello Sgrè emersa una crescita annua del mercato alberghiero ed extra-alberghiero: gli immobili scambiati con contratti di vendita o locazione rappresentano il 14,6%.

Un’accelerazione rispetto a quanto era atteso, in quanto il volume che è stato raggiunto in un solo anno era previsto in due anni.

Il mercato immobiliare alberghiero europeo nel 2017 ha registrato dunque un andamento in controtendenza rispetto al trend globale, arrivando a raggiungere i 21,7 miliardi di euro,ovvero un aumento di volumi del 22%, contro il 10% e i 58 miliardi di euro complessivi raggiunti a livello globale.

Timida crescita delle strutture alberghiere e significativo aumento delle tipologie extra-alberghiere, con un +6,5% dei B&B. Le stanze oggetto di compravendita sono state circa 133.000 all’anno, numero sostanzialmente invariato rispetto al 2016. Tuttavia, il volume risulta più elevato perché la qualità media delle strutture è più alta e dunque comporta un innalzamento del valore medio a camera.

Sono state rilevate 27 nuove apertureper più di 2370 camere, oltre a 22 interventi di cambio gestione e ristrutturazione per 4327 stanze e 10 interventi di ristrutturazione per circa 1300 camere. La regione più dinamica è stata la Lombardia– e in particolare Milano– con 9 interventi in tutte le categorie alberghiere da 3 a 5 stelle.

L’ospite, indipendentemente dal luogo in cui si trova, si aspetta ormai unicità e personalizzazione, poiché quando viaggia vuole allontanarsi dalla standardizzazione e dalla massificazione, oltre che elementi esperienziali espressione del territorio.

Questo andamento crescente del mercato immobiliare alberghiero italiano è in linea con quello europeo. In Italia, come in Europa, hanno contribuito al trend positivo la ripresa economica, l’aumento dei consumi e le preferenze turistiche che si sono spostate verso il Mediterraneo e in particolare verso la nostra penisola.

A cura della Redazione

Fonte: https://bit.ly/2Kk5PYv